Eccoci qui di nuovo alle prese coi fornelli!cappello chef

Questa volta vorrei raccontarvi il mio personalissimo metodo per far apprezzare le carote alle mie simpatiche creaturine.

Da quando Gesu’ Bambino a Natale mi ha portato l’estrattore (marchingegno infernale per estrarre al massimo tutte le vitamine e le cosine buone e sane dalla frutta e dalla verdura) mi sono dilettata nella preparazione di grandi centrifughe che sottoponevo alle mie figlie con scarso successo.

Ma un giorno mi é venuta un’idea: e se utilizzassi anche la polpa che residua dall’estrazione? Perché buttarla quando, se mescolata ad altri ingredienti, può ingannare il palato delle mie due sopraffini assaggiatrici serali? Non sarà l’estratto puro di vitamina ma qualche proprietà benefica l’avrà pure…

Ed ecco che é nato il plumcake alla carota, divenuto un must per le mie Compagne di Merende preferite, ottimo soprattutto al mattino pucciato nel latte.

Ingredienti:Maman-chef

– la polpa residua dall’estrazione di 8/10 carote o, in mancanza di estrattore, circa 8 carote grattugiate, strizzate e asciugate dall’acqua

– 3 uova

– 1 bustina di lievito vanigliato per dolci

– 180 gr circa di zucchero

– 300 gr. di farina

– 90 gr. di olio di semi

Preparazione:

Versare in una ciotola le uova e lo zucchero e mescolare con la frusta.

In una ciotola a parte mescolare la farina e il lievito.

Aggiungere la farina e il lievito mescolati, un cucchiaio alla volta, all’impasto di zucchero e uova e mescolare con la frusta fino ad ottenere un impasto omogeneo.

Aggiungere l’olio e le carote.

Riporre il composto in una tortiera o in uno stampo da plumcake (io uso quelli di silicone che non vanno nemmeno imburrati).

Infornare a 150° ventilato per circa 1h15/1h30.

Spolverizzare con zucchero a velo e servire fredda (senza svelare alle vostre creature l’ingrediente segreto!).

Bon appétit!

By La Blonde

tete_02

 

 

Ama – Famiglie in movimento